Sei schiavo delle tue dipendenze?

Nel mondo moderno, dove lo stress, l'isolamento, la depressione e l'ansia sono così prevalenti, la dipendenza è lì per riempire il vuoto, per sedurci con la promessa di eccitazione e fuga.

Le sirene della mitologia greca racchiudono perfettamente la natura seducente della dipendenza.Queste creature simili a sirene, che vivevano su un'isola dello Stretto di Messina tra l'Italia e la Sicilia, avevano voci così belle e seducenti che i marinai di passaggio si trovavano incapaci di resistere al loro richiamo.I marinai guidavano le loro navi verso il suono delle Sirene, dove le loro navi si schiantavano e affondavano sugli scogli nascosti sotto l'acqua bassa.

A volte i marinai affogavano in mare; altre volte arrivavano sull'isola, dove si ritrovavano bloccati senza cibo e acqua.I marinai sarebbero presto morti di fame poiché il canto della sirena li distraeva dalla caccia e dal foraggiamento. Qui, il mito delle sirene è una metafora della dipendenza.

Qual è il tuo veleno?

Considera tutti i diversi tipi di dipendenza: alcol, droghe, gioco d'azzardo, fumo, lavoro, amore, cibo e TV, solo per citarne alcuni.La maggior parte di noi cadrà vittima di una o più di queste dipendenze nella nostra vita.Un tossicodipendente può essere ricco o povero, istruito o ignorante, vecchio o giovane.Le dipendenze non discriminano.Ma sono sempre lì, pronti a balzare fuori ogni volta che la tragedia colpisce o tocchiamo il fondo.La dipendenza è un veleno travestito da aiuto.

Come il canto della sirena, le dipendenze sono seducenti perché ci offrono la possibilità di fuggire dalla fatica e dalla monotonia delle nostre vite e di sfuggire alla nostra tristezza e al nostro dolore.Le dipendenze forniscono la falsa promessa di pace e felicità.Questa è la natura ingannevole della dipendenza.Tutti proviamo dolore e tutti soffriamo.Il modo in cui gestiamo il nostro dolore e la nostra sofferenza, tuttavia, determina il nostro destino.Ci rivolgiamo alla dipendenza per scappare o troviamo uno sfogo più positivo per le nostre emozioni?

Il tossicodipendente che fa un lavoro che odia non è diverso dall'alcolista bloccato in un miserabile matrimonio.Entrambi affrontano il loro stress e la loro delusione usando sostanze che creano dipendenza per affogare i loro dolori e intorpidire il loro dolore.Il problema è che le dipendenze esacerbano il nostro dolore e ci fanno sentire peggio.

Le dipendenze forniscono l'illusione di fuga e conforto.Forniscono un conforto momentaneo.E mentre siamo presi nelle nostre dipendenze - bere in eccesso, scommettere i nostri soldi e usare droghe per intorpidire il nostro dolore - lentamente prendono il sopravvento sulla nostra vita e ci mangiano dall'interno.Invece di trovare scampo e conforto, ci perdiamo nelle malattie, nella povertà e nel degrado.E, se non stiamo attenti, le nostre dipendenze non solo rovinano la nostra salute, prosciugano la nostra ricchezza e ci rubano il tempo, ma infettano le nostre relazioni e ci lasciano solo con la disperazione.

Gli effetti della schiavitù sono, ancora oggi, reali e devastanti.La schiavitù provoca grandi sofferenze sia a livello conscio che inconscio.Quando trovi un momento per riflettere, chiediti se hai sperimentato o stai vivendo problemi psicologici, emotivi o di dipendenza nella tua vita?Se la risposta è sì, non devi vergognarti.Non importa se sei ricco o povero, sano o malato, giovane o vecchio, la schiavitù tocca tutti noi a un certo punto nel tempo.

La consapevolezza è il primo passo

Se rimani bloccato in una mentalità da schiavo, tuttavia, gli effetti implacabili di stress, ansia, stanchezza, tensione e depressione continueranno a tormentarti e tormentarti.Sfortunatamente, alcune persone rimangono bloccate in una mentalità da schiavo per tutta la vita.Puoi riconoscere queste persone dal modo in cui camminano, chini e chini, i loro volti tristi e pieni di disperazione.Spesso irritabile e oppresso, lo schiavo moderno guarda il mondo con confusione mentre cerca di capire perché tutti gli altri sono più prosperi e fortunati di loro stessi.

Se presti molta attenzione, noterai milioni di persone che si fanno strada nella vita sonnambula senza nulla per cui lottare e nessuna speranza in vista.Secondo il naturalista e filosofo Henry David Thoreau, queste sono le persone che vivono "vite tranquille di disperazione".È a questo punto, il punto di disperazione, che devi essere preparato ad affrontare una verità brutale e profonda: nulla cambierà se non sei disposto a metterti su una nuova strada.Fortunatamente, questo non è così difficile o traumatico come potrebbe sembrare.

Il primo passo sulla via della libertà è semplice: devi prendere coscienza della tua situazione e della verità della tua vita.Solo allora, in un tranquillo momento di introspezione, puoi distruggere quelle parti della tua vita che ti trattengono e ti rendono schiavo.


Master Creator Destroyer Slaverappresenta i quattro passi verso la libertà.Se ti senti bloccato, incapace di ottenere ciò che desideri dalla vita, questo libro ti mostrerà come distruggere il vecchio e creare il nuovo, guidandoti attraverso i quattro passaggi verso la libertà: Schiavitù–Distruzione–Creazione–Padronanza.